mercoledì 22 gennaio 2020

Teotihuacàn, ovvero tutto quello che il sionismo vi ha opportunamente nascosto.


Teotihuacàn

A circa cinquanta chilometri da Città del Messico è stata scoperta un'altra spina nel fianco dell'archeologia ortodossa, ovvero Teotihuacàn, un luogo ricordato dalla tradizione locale come la città degli dei. La data di costruzione delle sue piramidi, infatti, rimane incerta e controversa per molti studiosi, mentre l'archeologia ortodossa ne attribuisce categoricamente la costruzione al 500 a.C..
È invece un dato pacifico che nel periodo del suo massimo splendore la città si estendeva per ben 25 km2, un'area maggiore di quella occupata dall'antica Roma, la capitale dell'impero più vasto del mondo antico.
Il 12 d.C. gli Aztechi si riversarono nella zona e scoprirono i resti della città ormai completamente sepolti dalla folta vegetazione della giungla. Al giorno d'oggi il sito archeologico è stato interamente disboscato e offre ai suoi visitatori uno scenario davvero straordinario e suggestivo. La pianta della città risulta caratterizzata da una strada larga tra i quaranta e i quarantacinque metri, che attraversa i monumenti per circa quattro chilometri.
Si tratta della cosiddetta via dei morti la quale risulta perfettamente orientata a 15° e 30 a oriente del nord astronomico,1 come tutte le altre città maya.
Alla fine degli anni Sessanta l'ingegnere americano Hugh Harleston jr. misurò gli edifici di Teotihuacàn e scoprì che la misura base utilizzata per la loro costruzione era il cosiddetto hunab, equivalente a 1,059 metri.2 La scoperta fu di notevole importanza, poiché grazie a essa divenne possibile dimostrare che la via dei morti con i suoi monumenti non è altro che un perfetto modello in scala del sistema solare.
La linea mediana, per esempio, è rappresentata dal Tempio del Sole di Quetzalcoatl, mentre alcuni tronconi della piramide furono utilizzati per riprodurre i rapporti di distanza esistenti tra Mercurio, Venere, la Terra, Marte e il Sole.3 Tale raffigurazione matematica è precisa fino al punto di comprendere anche la cintura di asteroidi (scoperta ufficialmente solo nel 1951 dall'olandese Gerard Kuiper), simboleggiata da un canale artificiale posto a debita distanza.
E, proprio come se si trattasse di un planetario didattico, troviamo i resti di una piramide che indicava il pianeta Giove nella sua esatta posizione,4 a cui un tempo faceva seguito la piramide di Saturno, ormai completamente demolita.5
Continuando nelle osservazioni, gli studiosi identificarono tutti i restanti pianeti del sistema solare ubicati secondo le rispettive distanze in scala.
Fu così possibile risalire al tempio della Luna, di Urano, di Nettuno e di Plutone.6
Una volta riconosciuto lo scopo originario delle costruzioni, sorsero subito alcuni interrogativi a cui nessuno fino a ora ha saputo rispondere senza pretendere di negare il fatto.
Da dove proveniva una simile conoscenza del nostro sistema solare? Sappiamo infatti con certezza che Urano, Nettuno e Plutone vennero scoperti rispettivamente solo nel 1781, nel 1846 e nel 1930,7 grazie all'ausilio di potenti telescopi moderni.
Una ricostruzione grafica del sito.
 
La piramide del Sole.

La facciata principale della piramide del Sole è perfettamente orientata verso il punto dove tramonta il nostro astro splendente nel giorno del solstizio d'estate. Nelle sue vicinanze è stato scoperto un pozzo di sette metri di profondità collegato a una galleria sotterranea, che termina in una grotta lavica naturale situata proprio al centro dell'edificio. Nella caverna antecedente alla costruzione sono stati rinvenuti alcuni specchi di ardesia e dei frammenti di ceramica di cui ignoriamo la funzione. Tuttavia nel lontano 1906 gli studiosi avevano già effettuato una scoperta straordinaria senza rendersene conto.
Ritrovarono infatti grandi quantità di un particolare minerale che richiede processi di lavorazione altamente tecnologici, la mica.
Tale silicato era stato impiegato sia per la costruzione del livello superiore della piramide del Sole che per il tempio detto appunto della Mica.
Al suo interno vennero ritrovati due strati di ben 270 cm2 di tale materiale, messi in opera evidentemente con una precisa funzione. La piramide della Mica, però, è stata resa inaccessibile al pubblico ed il suo ingresso è stato sbarrato da due pesanti lamiere. Chi ha potuto visitare l'incredibile monumento quando ancora era aperto ai visitatori, tuttavia, riferisce di essere stato abbagliato dal riverbero della mica che rivestiva il soffitto con piastrelle di dieci centimetri per venti.
Lo stesso materiale è stato impiegato per realizzare le sezioni di sette centimetri di spessore che si alternano diverse volte agli strati di pietra. I fogli di mica consistono in una pellicola elastica che si sbriciola al tatto, e le lamine sfaldate risultano trasparenti e in grado di riflettere la luce del sole con elevata intensità.
Dalla piramide della Mica parte poi una galleria sotterranea che si congiunge alla caverna sotto la piramide del Sole. L'accesso al tunnel però è stato sbarrato e nessuno sa dire esattamente cosa ci sia là sotto.
La mica è un silicato di alluminio, un composto formato dall'unione di vari elementi quali potassio, alluminio, ferro, magnesio, litio, manganese e titanio. La loro differente combinazione produce varie tipologie di mica. Quella rinvenuta nel sito archeologico messicano proviene dal Brasile, pertanto chi ha costruito il tempio si prodigò per ottenere proprio quel tipo. Ma a quale scopo?
La mica attualmente viene usata come isolante termico ed elettrico nonché come moderatore nelle reazioni nucleari. Risulta quindi particolarmente adatta ad applicazioni di alto livello tecnologico. Possiede una notevole elasticità, una forte resistenza al calore (fino a 800 gradi) e agli improvvisi sbalzi termici e inoltre è inattaccabile dai solventi organici e dagli acidi. I fogli e i coni retinici di mica legati con il vetro tollerano temperature, radiazioni, alta tensione e umidità
estreme e per tale ragione essa viene utilizzata nella fabbricazione degli sportelli dei forni a microonde. Viene anche spesso impiegata in elettronica per isolare valvole termoioniche a tubi catodici, negli apparecchi radar, nei contatori geiger e persino nei rivelatori di raggi cosmici.
Il nostro attuale livello tecnologico ci consente di produrre lastre di trenta o quaranta centimetri quadrati di mica attraverso lunghi e sofisticati processi di lavorazione. Ciò premesso, le piastrelle di mica scoperte a Teotihuacan superano i 200 cm2 di estensione!8
deca
Questo articolo è tratto dal pregievole ed istruttivo libro del Dr. Marco Pizzuti :

Scoperte archeologiche non autorizzate - Oltre la verità ufficiale


 

mercoledì 18 dicembre 2019

INUTILI ILICI, la verità fa male, a noi, a voi non va detta ....

L’intervista che Rai News 24 non ha voluto trasmettere

Presidente Assad: l’€uropa è stata il principale attore nel creare il caos in Syria

Di SANA, 9 Dicembre 2019

Il presidente Bashar al-Assad ha affermato che la Siria uscirà dalla guerra più forte di prima e il futuro della Siria è promettente in quanto la situazione è molto migliore rispetto a qualche tempo fa. Il presidente ha sottolineato i risultati dell’esercito arabo siriano nella guerra contro il terrorismo.
Nell’intervista il presidente ha aggiunto che l’Europa è stata la principale protagonista nel caos in Siria e il problema dei rifugiati derivante da essa era dovuto al supporto diretto apportato dall’Europa al terrorismo insieme a Stati Uniti, Turchia e molti altri paesi.
Il presidente al-Assad ha sottolineato che dall’inizio della narrazione sulle armi chimiche, la Siria ha affermato di non averle utilizzate.
Il presidente ha affermato che ciò che l’organizzazione OPCW ha fatto è stato falsificare il rapporto sull’uso di armi chimiche seguendo il volere degli americani. Quindi, per fortuna, questo rapporto ha dimostrato che tutto ciò che abbiamo detto negli ultimi anni, dal 2013, è corretto. L’intervista in questione è stata rilasciata all’italiana Rai News 24 il 26 novembre 2019 e sarebbe dovuta essere trasmessa il 2 dicembre in Italia, ma la Rai si è astenuta dal trasmetterla per ragioni incomprensibili.
Di seguito è riportato il testo completo dell’intervista:
Domanda 1: Signor Presidente, grazie per averci ospitato qui. Ci spieghi per favore, qual è la situazione in Siria ora, qual è la situazione sul campo, cosa sta succedendo nel paese?
Presidente Assad: se vogliamo parlare della società siriana: la situazione è molto, molto migliore, poiché abbiamo imparato tante lezioni da questa guerra e penso che il futuro della Siria sia promettente; usciremo da questa guerra più forti.
Parlando della situazione sul terreno: l’esercito siriano ha fatto progressi negli ultimi anni e ha liberato molte aree dai terroristi, rimangono ancora da liberare alcune aree in mano ad al-Nusra che è supportato dai turchi, si tratta della parte nord della Siria dove i turchi hanno invaso il nostro territorio il mese scorso.
Quindi, per quanto riguarda la situazione politica, possiamo dire che sta diventando molto più complicato, perché ci sono molti più giocatori coinvolti nel conflitto siriano e questo è dovuto al fatto che vogliono trascinare il conflitto e trasformarlo in una guerra di logoramento.
Domanda 2: Quando parla di liberazione, sappiamo che esiste una visione militare di questo, ma il punto è: com’è la situazione adesso per le persone che hanno deciso di tornare nella società? Il processo di riconciliazione, ora a che punto si trova? Funziona o no?
Presidente Assad: In realtà, la metodologia che abbiamo adottato per creare, diciamo, una buona atmosfera, è stata attuata attraverso quella che abbiamo chiamato riconciliazione, per le persone che vivono insieme e per quelle persone che vivevano al di fuori del controllo delle aree governative per farle tornare all’ordine alla legge e alle istituzioni. Accettavamo l’amnistia a chiunque rinunciasse al suo armamento e obbedisse alla legge. La situazione non è complicata per quanto riguarda questo problema, se hai la possibilità di visitare qualsiasi area, vedrai che la vita sta tornando alla normalità.
Il problema non erano le persone che combattevano tra loro, la situazione non era quella che ha tentato di mostrare la narrativa occidentale. La narrativa occidentale cercava di mostrare i siriani in lotta l’uno con l’altro, in quella che hanno chiamato una “guerra civile”, e ciò è fuorviante. La situazione, non era di “guerra civile”, in realtà i terroristi prendevano il controllo delle aree e applicavano su queste le proprie regole. Senza quei terroristi le persone torneranno alla loro vita normale e vivranno insieme. Non c’era una guerra settaria, non c’era guerra etnica, non c’era guerra politica; erano terroristi sostenuti da potenze estere, che avevano denaro e armamenti e occupavano quelle aree.
Domanda 3: Non ha paura che questo tipo di ideologia si sia radicata? Sa, è stata la base della vita quotidiana delle persone per così tanti anni, in qualche modo può rimanere nella società e prima o poi tornare?
Presidente Assad: questa è una delle principali sfide che abbiamo dovuto affrontare. Quello che stai chiedendo è molto corretto. Ci sono due problemi. Quelle aree che erano al di fuori del controllo del governo erano governate da due paradigmi:
Il primo paradigma è il caos, perché non esisteva una legge, quindi le persone – specialmente le giovani generazioni – non sanno nulla dello stato, della legge e delle istituzioni.
Il secondo paradigma, che è profondamente radicato nelle menti, è l’ideologia, l’ideologia oscurantista, l’ideologia wahabita – ISIS o al-Nusra o Ahrar al-Cham, o qualunque tipo di queste ideologie estremiste terroristiche islamiste.
Ora abbiamo iniziato a occuparci di questa realtà, perché quando liberiamo un’area dobbiamo risolvere questo problema, altrimenti qual è il significato di liberazione? La prima parte della soluzione è religiosa, perché questa ideologia è un’ideologia religiosa e i religiosi siriani, o diciamo l’istituzione religiosa in Siria, stanno facendo uno sforzo molto forte in questo senso, e ci sono riusciti; sono riusciti ad aiutare quelle persone a comprendere la vera religione, non la religione insegnata da al-Nusra o ISIS o altre fazioni.

Domanda 4: Quindi, in sostanza, i chierici e le moschee fanno parte di questo processo di riconciliazione?
Presidente Assad: questa è la parte più importante. La seconda parte importante è svolta dalle scuole. Nelle scuole hai insegnanti, hai istruzione e hai il curriculum nazionale, e questo curriculum è molto importante per cambiare le idee di quelle giovani generazioni. Terzo, hai la cultura, il ruolo delle arti, degli intellettuali e così via. In alcune aree, è ancora difficile svolgere quel ruolo, quindi è stato molto più facile per noi iniziare con la religione, secondariamente si procede con le scuole.
Domanda 5: Signor Presidente, vorrei solo tornare alla politica per un istante. Ha menzionato la Turchia, ok? La Russia è stata il vostro miglior alleato in questi anni, non è un segreto, ma ora la Russia sta compromettendo con la Turchia alcune aree che fanno parte dell’area siriana, quindi come valuta questo?
Presidente Assad: per comprendere il ruolo russo, dobbiamo comprendere i principi russi. La Russia crede che il diritto internazionale – l’ordine internazionale basato su quella legge – sia nell’interesse della Russia e nell’interesse di tutti nel mondo. Quindi, per i russi, sostenere la Siria significa sostenere il diritto internazionale; questo è un punto. In secondo luogo, combattere i terroristi è nell’interesse del popolo russo e nell’interesse del resto del mondo.
Quindi, dialogare con la Turchia e fare questo compromesso non significa che sostengano l’invasione turca; piuttosto volevano avere un ruolo per convincere i turchi che bisogna lasciare la Siria. Non supportano i turchi, non dicono “questa è una buona realtà, la accettiamo e la Siria deve accettarla”. No, non lo fanno. Ma a causa del ruolo negativo americano e del ruolo negativo occidentale nei confronti della Turchia e dei curdi, i russi sono intervenuti, al fine di bilanciare quel ruolo, per rendere la situazione… Non direi migliore, ma meno peggiore se si vuol essere più precisi. Quindi, in questo momento, quello è il loro ruolo. In futuro, la loro posizione è molto chiara: integrità siriana e sovranità siriana. L’integrità e la sovranità siriana sono in contraddizione con l’invasione turca, che è molto evidente e chiara.
Domanda 6: Quindi mi sta dicendo che i russi potrebbero scendere a compromessi, ma la Siria non comprometterà con la Turchia. Voglio dire, la relazione è ancora piuttosto tesa.
Presidente Assad: No, anche i russi non hanno fatto un compromesso riguardo alla sovranità. No, guardano la realtà. Ora, ci troviamo davanti a una brutta realtà, devi essere coinvolto per fare un qualcosa… Non direi un compromesso perché non è una soluzione finale. Potrebbe essere un compromesso per quanto riguarda la situazione a breve termine, ma nel lungo termine o nel medio termine, la Turchia dovrà andarsene. Non ci sono dubbi.
Domanda 7: E a lungo termine, qualche piano di discussione tra lei e il signor Erdogan?
Presidente Assad: non mi sentirei orgoglioso se un giorno dovessi scendere in discussione con lui. Mi sentirei disgustato nel trattare con questo tipo di islamisti opportunisti, non musulmani, islamisti – è un altro termine, è un termine politico. Ma ancora una volta, come dico sempre: il mio lavoro non è quello di essere contento di quello che sto facendo o di non essere felice o altro. Non riguarda i miei sentimenti, riguarda gli interessi della Siria, quindi ovunque andranno i nostri interessi, andrò anche io.
Domanda 8: In questo momento, quando l’Europa guarda alla Siria, a parte le considerazioni sul paese, ci sono due problemi principali: uno sono i rifugiati e l’altro sono i jihadisti o combattenti stranieri che tornano in Europa. Come vede queste preoccupazioni europee?
Presidente Assad: dobbiamo iniziare con una semplice domanda: chi ha creato questo problema? Perché avete rifugiati in Europa? È una domanda semplice: a causa del terrorismo sostenuto dall’Europa – e ovviamente dagli Stati Uniti, dalla Turchia e da altri – ma l’Europa è stata il principale attore nella creazione del caos in Siria. Quindi, ciò che è andato torna indietro.
Domanda 9: Perché dice che era il giocatore principale?
Presidente Assad: poiché hanno sostenuto pubblicamente, l’UE ha sostenuto i terroristi in Siria dal primo giorno, dalla prima settimana o dall’inizio. Hanno incolpato il governo siriano e alcuni regimi come il regime francese hanno inviato armamenti. Uno dei loro funzionari, penso fosse il loro ministro degli Esteri, forse Fabius se non ricordo male ha detto “mandiamo”. Hanno inviato armamenti; hanno creato questo caos. Ecco perché molte persone trovano difficile rimanere in Siria; milioni di persone non potevano vivere qui, quindi sono dovute fuggire dalla Siria.
Domanda 10: In questo momento, nella regione, ci sono disordini e c’è un certo caos. Uno degli altri alleati della Siria è l’Iran e la situazione sta diventando complicata. Si può riflettere sulla situazione in Siria?
Presidente Assad: Sicuramente, ogni volta che ci sarà il caos, sarà un male per tutti, avrà effetti collaterali e ripercussioni, specialmente in presenza di interferenze esterne. Se è spontaneo, se parli di dimostrazioni e di persone che chiedono riforme o una situazione migliore economicamente o altri diritti, è positivo. Ma quando si tratta di atti di vandalismo, distruzione, uccisione e interferenze da parte di poteri esterni, allora no: non è assolutamente positivo è nient’altro che negativo, nient’altro che cattivo e un pericolo per tutti in questa regione.
Domanda 11: è preoccupato per quello che sta succedendo in Libano, che è il vero vicino di casa?
Presidente Assad: Sì, allo stesso modo. Certo, il Libano influenzerebbe la Siria più di qualsiasi altro paese perché è il nostro vicino diretto. Ma ancora una volta, se è spontaneo e riguarda la riforma e l’eliminazione del sistema politico settario, sarebbe un bene per il Libano. Ancora una volta, ciò dipende dalla consapevolezza del popolo libanese al fine di non consentire a nessuno dall’esterno di provare a manipolare il movimento o le manifestazioni spontanee in Libano.
Domanda 12: Torniamo a ciò che sta accadendo in Siria. A giugno, papa Francesco le ha scritto una lettera in cui le chiedeva di prestare attenzione e rispettare la popolazione, soprattutto a Idleb dove la situazione è ancora molto tesa, perché lì si combatte e successivamente si arriva al modo in cui i prigionieri vengono trattati nelle carceri. Gli ha risposto e cosa ha risposto?
Presidente Assad: la lettera del Papa riguardava la sua preoccupazione per i civili in Siria e ho avuto l’impressione che forse il quadro in Vaticano non fosse completo. Questo è prevedibile, dal momento che la narrativa principale in Occidente parla di questo “cattivo governo” che uccide la “brava gente”, come si vede e si sente negli stessi media: ogni proiettile dell’esercito siriano e ogni bomba uccide solo i civili e distrugge solo ospedali! Non uccidono i terroristi mentre prendono di mira quei civili! Questo non è corretto, non è la verità.
Quindi, ho risposto con una lettera in cui spiegavo al Papa la realtà in Siria, poiché siamo i primi a preoccuparci della vita dei civili, in quanto non puoi liberare un’area quando il popolo è contro di te. Non puoi parlare di liberazione mentre i civili sono contro di te o la società lo è. La parte più cruciale nel liberare militarmente qualsiasi area è quella di avere il sostegno del pubblico in quell’area o nella regione in generale. Questo è stato chiaro negli ultimi nove anni e non avere il sostegno è contrario ai nostri interessi.
Domanda 13: Ma quel tipo di chiamata, in qualche modo, la ha fatta riflettere ancora sull’importanza di proteggere i civili e le persone del suo paese.
Presidente Assad: No, questo è qualcosa a cui pensiamo ogni giorno, non solo come morale, principi e valori, ma come interessi. Come ho appena detto, senza questo supporto – senza il sostegno pubblico, non puoi ottenere nulla… non puoi avanzare politicamente, militarmente, economicamente e in ogni aspetto. Non avremmo potuto resistere a questa guerra per nove anni senza il sostegno pubblico e non avremmo potuto avere sostegno pubblico mentre si stava uccidendo civili. Questa è un’equazione, questa è un’equazione evidente, nessuno può smentirla. Quindi, ecco perché ho detto, indipendentemente da questa lettera, questa è la nostra preoccupazione.
Ma ancora una volta, il Vaticano è uno stato e pensiamo che il ruolo di qualsiasi stato – se si preoccupano di quei civili, è quello di andare alla ragione principale. La ragione principale è il ruolo occidentale nel sostenere i terroristi, e le sanzioni contro il popolo siriano che hanno peggiorato la situazione – e questa è un’altra ragione che hanno portato i rifugiati che avete in Europa adesso. Non vuoi rifugiati ma allo stesso tempo crei la situazione o l’atmosfera che porteranno loro a dire “andiamo fuori dalla Siria, da qualche altra parte” e ovviamente una volta detto ciò andranno in Europa. Quindi, questo stato, o qualsiasi altro stato, dovrebbe occuparsi delle ragioni e speriamo che il Vaticano possa svolgere quel ruolo in Europa e nel mondo; per convincere molti stati a smettere di immischiarsi nella questione siriana, smettere di violare il diritto internazionale. È abbastanza, abbiamo solo bisogno che le persone seguano il diritto internazionale. I civili saranno al sicuro, l’ordine tornerà, tutto andrà bene. Nient’altro.
Domanda 14: Signor Presidente, è stato accusato più volte di usare armi chimiche e questo è stato lo strumento di molte decisioni e un punto chiave, la linea rossa, per molte decisioni. Un anno fa, più di un anno fa, si è verificato l’evento di Douma che è stato considerato un’altra linea rossa. Successivamente, ci sono stati bombardamenti, e avrebbe potuto essere anche peggio, ma qualcosa si è fermato. In questi giorni, attraverso WikiLeaks, è emerso che qualcosa di sbagliato nel modo in cui è stato raccontato il rapporto che vi accusava ha avuto luogo. Quindi, nessuno è ancora in grado di dire cosa è successo, ma potrebbe essersi verificato qualcosa di sbagliato nel riportare ciò che è successo.
Presidente Assad: Abbiamo sempre – sin dall’inizio di questa narrazione riguardante le armi chimiche – abbiamo detto che non le abbiamo usate; non possiamo usarle, è impossibile usarle nella nostra situazione per molte ragioni, diciamo – ragioni logistiche.
Intervento: me ne dia una.
Presidente Assad: Una ragione, molto semplice: quando avanzi, perché dovresti usare armi chimiche?! Stiamo avanzando, perché dovremmo usarle?! Siamo in un’ottima situazione, quindi perché usarle, soprattutto nel 2018? Questo è uno dei motivi.
Secondo, prove molto concrete che confutano questa narrazione: quando usi armi chimiche – questa è un’arma di distruzione di massa, si parla di migliaia di morti o almeno centinaia. Ciò non è mai accaduto, mai – hai solo questi video di attacchi con armi chimiche in messe in scena. Nel recente rapporto che hai citato, c’è una discrepanza tra ciò che abbiamo visto nel video e ciò che hanno visto tecnici e/o esperti. La quantità di cloro di cui stanno parlando: prima di tutto, il cloro non è un materiale di distruzione di massa, in secondo luogo, la quantità che hanno trovato è la stessa quantità che puoi avere in casa, esiste in molte famiglie è utilizzato forse per la pulizia e quant’altro. Lo stesso quantitativo esattamente. È quello che ha fatto l’organizzazione OPCW: è stato falsificare il rapporto, solo per seguire il volere degli americani. Così, fortunatamente, questo rapporto ha dimostrato che tutto ciò che abbiamo detto negli ultimi anni, dal 2013, è corretto. Avevamo ragione, avevano torto. Questa è una prova, questa è una prova concreta riguardo a questo problema. Quindi, ancora una volta, l’OPCW è di parte, viene politicizzato ed è immorale, e quelle organizzazioni che dovrebbero lavorare in parallelo con le Nazioni Unite per creare più stabilità in tutto il mondo – sono state usate come armi americane e occidentali per creare più caos.
Domanda 15: Signor Presidente, dopo nove anni di guerra, lei parla degli errori degli altri. Vorrei che parlasse dei suoi errori, se sono presenti. C’è qualcosa che avreste fatto in modo diverso e qual è la lezione appresa che può aiutare il suo paese?
Presidente Assad: Sicuramente, perché quando parli di fare qualcosa, trovi sempre degli errori; questa è la natura umana. Ma quando parli di pratica politica, hai due cose: hai strategie o grandi decisioni e hai tattiche – o in questo contesto, l’implementazione di queste. Quindi, le nostre decisioni strategiche o le nostre decisioni principali dovevano contrastare il terrorismo, portare alla riconciliazione e contrastare le ingerenze esterne nei nostri affari. Oggi, dopo nove anni, adottiamo ancora la stessa politica; siamo più aderenti a questa politica. Se avessimo pensato che fosse sbagliato, l’avremmo cambiata; in realtà no, non pensiamo che ci sia qualcosa di sbagliato in questa politica. Abbiamo compiuto la nostra missione; abbiamo implementato la costituzione proteggendo le persone.
Ora, se parli di errori nell’implementazione, ovviamente hai così tanti errori. Penso che se vuoi parlare degli errori riguardanti questa guerra, non dovremmo parlare delle decisioni prese durante la guerra perché la guerra – o parte di essa, è il risultato di qualcosa venuto prima.
Due cose che abbiamo affrontato durante questa guerra: la prima era l’estremismo. L’estremismo è iniziato in questa regione alla fine degli anni ’60 e ha accelerato negli anni ’80, in particolare l’ideologia wahabita. Se vuoi parlare di errori nell’affrontare questo problema: allora sì, dirò che eravamo molto tolleranti nei confronti di qualcosa di molto pericoloso. Questo è un grosso errore che abbiamo commesso nel corso di decenni; Sto parlando di diversi governi, incluso me stesso prima di questa guerra.
Il secondo problema da affrontare è venuto quando abbiamo avuto persone pronte a ribellarsi all’ordine, a distruggere proprietà pubbliche, a commettere atti di vandalismo e così via, a lavorare contro il loro paese, pronte per andare a lavorare per potenze straniere (intelligence straniere), a chiedere interferenze militari esterne contro il loro paese. Quindi, questa è un’altra domanda: da dove sono uscite, come li abbiamo ottenuti? Se mi chiedi come, ti direi che prima della guerra c’erano più di 50.000 fuorilegge che non erano stati catturati dalla polizia per esempio; per quei fuorilegge, il loro nemico naturale è il governo perché non vogliono andare in prigione.
Domanda 16: E la situazione economica? Perché parte di essa – non so se fosse una parte grande o piccola di essa – ma parte di essa ha contribuito al malcontento con i problemi della popolazione in alcune aree in cui l’economia non funzionava. È una lezione imparata da qualche parte?
Presidente Assad: potrebbe essere un fattore, ma sicuramente non un fattore principale. Alcune persone parlano dei quattro anni di siccità che hanno spinto la gente a lasciare la propria terra nelle aree rurali per recarsi in città… potrebbe essere un problema, ma questo non è il problema principale. Hanno parlato della politica liberale… non avevamo una politica liberale, siamo ancora socialisti, abbiamo ancora un settore pubblico – un settore pubblico molto grande nel governo. Non puoi parlare di politica liberale mentre hai un grande settore pubblico. Abbiamo avuto crescita, buona crescita.
Ovviamente, nell’attuazione della nostra politica, hai di nuovo degli errori. Come puoi creare pari opportunità tra le persone? Tra zone rurali e città? Quando si apre l’economia, le città ne trarranno maggiori benefici, ciò creerà più immigrazione dalle aree rurali alle città… Questi sono fattori che potrebbero svolgere un ruolo, ma non è questo il problema. Nelle aree rurali in cui si ha più povertà, il denaro del Qatar ha svolto un ruolo più reale rispetto alle città, è naturale. Li hanno pagati in mezz’ora quello che ottenevano in una settimana; e questo per loro era molto buono.
Domanda 17: Siamo quasi arrivati alla fine, ma ci sono altre due domande che voglio farle. Una riguarda la ricostruzione e la ricostruzione sarà molto costosa. Come può immaginare di permettersi questa ricostruzione, chi potrebbe essere il vostro alleato nella ricostruzione?
Presidente Assad: Non abbiamo un grosso problema con questo. Dicono che la Siria non ha soldi… no, in realtà i siriani hanno molti soldi; il popolo siriano nel mondo ha molti soldi e vuole venire a ricostruire il suo paese. Perché quando parli di ricostruire il paese, non si tratta di dare soldi alle persone, si tratta di ottenere benefici – è un business. Quindi, molte persone, non solo siriane, vogliono fare affari in Siria. Quindi, parlando di dove puoi avere fondi per questa ricostruzione, lo abbiamo già pensato, ma il problema è che queste sanzioni impediscono a quegli uomini d’affari o aziende di venire e lavorare in Siria. Nonostante ciò, abbiamo iniziato e, nonostante ciò, alcune società straniere hanno iniziato a trovare modi per eludere queste sanzioni e abbiamo iniziato a pianificare. Sarà un processo lungo.
Domanda 18: Conclusione su una nota molto personale, signor Presidente; si sente un sopravvissuto?
Presidente Assad: se vuoi parlare di una guerra nazionale come questa, in cui quasi tutte le città sono state danneggiate dal terrorismo o dai bombardamenti esterni e altre cose, allora puoi parlare di tutti i siriani come sopravvissuti. Penso che questa sia la natura umana: essere un sopravvissuto.
Intervento: e lei stesso?
Presidente Assad: faccio parte di quei siriani. Non posso essere disconnesso da loro. Ho la stessa sensazione. Ancora una volta, non si tratta di essere una persona forte o un sopravvissuto. Se non hai questa atmosfera, questa società o questa incubatrice per sopravvivere, non puoi sopravvivere. È collettivo; non riguarda una sola persona, non è uno spettacolo individuale.
Giornalista: Grazie mille, signor Presidente.
Presidente Assad: grazie.
Traduzione di Mondo Informazione Geopolitica

lunedì 25 novembre 2019

E' GIUNTA L'ALBA DEL MONDO NUOVO




È il trionfo di chi, prima alla gogna, ora s’impone,

..... è la discesa agl’inferi di chi prima governava

L’alba del nuovo mondo


Thierry Meyssan rileva l’estrema gravità, non già del ritiro degli Stati Uniti dalla Syria, bensì del crollo dei paradigmi del mondo attuale. Secondo l’autore, stiamo entrando in un breve periodo di transizione durante il quale gli attuali padroni del gioco – i “capitalisti finanziari” che, secondo Meyssan, non sono imparentati né con il capitalismo, né con le banche delle origini – saranno messi da parte a tutto vantaggio del primato del diritto, secondo le norme formulate dalla Russia nel 1899.

| Damasco (Syria)

 Re Salman riceve il presidente V. Putin, il pacificatore
Stiamo vivendo uno di quei momenti che capitano soltanto una o due volte in un secolo. Sta nascendo un nuovo ordine mondiale. Tutti i punti di riferimento validi fino a oggi stanno sparendo.
È il trionfo di chi, prima alla gogna, ora s’impone; è la discesa agl’inferi di chi prima governava. Le dichiarazioni ufficiali e le interpretazioni giornalistiche non rispecchiano, con ogni evidenza, gli eventi che si concatenano.
I commentatori, per non essere travolti dal vortice della storia, devono cambiare al più presto i loro schemi mentali, sino a sconvolgerli completamente.
A febbraio 1943 la vittoria sovietica sul Reich nazista segnò il rovesciamento delle sorti della seconda guerra mondiale.
Quel che seguì fu ineluttabile. Si dovette attendere lo sbarco degli anglo-statunitensi in Normandia a giugno 1944, la conferenza di Yalta a febbraio 1945, il suicidio del cancelliere Hitler a febbraio 1945 e, infine, la capitolazione del Reich l’8 maggio 1945 per veder sorgere un mondo nuovo.
In un anno, da giugno 1944 a maggio 1945, il Grande Reich fu sostituito dal duopolio URSS-Stati Uniti.
Dodici anni dopo Regno Unito e Francia, all’epoca ancora le prime potenze mondiali, avrebbero assistito alla decolonizzazione dei loro imperi.
Oggi stiamo vivendo un momento analogo.
Ogni periodo storico ha il proprio sistema economico e per proteggerlo costruisce una sovrastruttura politica. Con la fine della guerra fredda e lo smembramento dell’Unione Sovietica, il presidente Bush padre smobilitò un milione di militari e affidò il perseguimento della prosperità degli Stati Uniti ai padroni delle multinazionali.
Costoro si allearono con Deng Xiaoping, delocalizzarono posti di lavoro in Cina, facendola diventare l’officina del mondo. 
Invece di portare prosperità ai cittadini, le multinazionali si accaparrarono i profitti, causando la progressiva e lenta sparizione delle classi medie occidentali. Nel 2001 le multinazionali statunitensi finanziarono gli attentati dell’11 settembre, al fine d’imporre al Pentagono la strategia Rumsfeld/Cebrowski di distruzione delle strutture statali.
Il presidente Bush figlio trasformò il Medio Oriente Allargato nel teatro di una “guerra senza fine”.
La liberazione in una settimana di un quarto di territorio syriano non è soltanto la vittoria del presidente Bashar al-Assad – “l’uomo che deve andarsene” ormai da otto anni – segna altresì lo smacco della strategia militare finalizzata a consolidare la supremazia del capitalismo finanziario.
Quel che sembrava inimmaginabile è accaduto. L’ordine del mondo si è ribaltato. Il seguito è ineluttabile.
L’accoglienza in pompa magna del presidente Vladimir Putin in Arabia Saudita ed Emirati Arabi è sintomo dello spettacolare capovolgimento delle potenze del Golfo, che hanno cominciato a spostarsi nel campo russo.
Anche l’altrettanto spettacolare redistribuzione delle carte in Libano sancisce lo smacco politico del capitalismo finanziario. In un Paese dollarizzato, dove non si trova un dollaro da oltre un mese, dove le banche chiudono gli sportelli e i prelievi bancari sono soggetti a limiti, non saranno le manifestazione contro la corruzione a fermare il rovesciamento del vecchio ordine.
Le convulsioni del vecchio ordine si allargano. 
La responsabilità della rivolta popolare contro le misure imposte dal capitalismo finanziario viene addossata dal presidente ecuadoriano, Lenin Moreno, al predecessore, Rafaèl Correa, nonché al presidente venezuelano Nicolás Maduro, emblema della resistenza a questa forma di sfruttamento dell’uomo. Ebbene, Correa vive in esilio in Belgio, Maduro non esercita alcuna influenza in Ecuador.
Il Regno Unito ha già fatto ripiegare le forze speciali dalla Syria e sta tentando di uscire dallo Stato sovranazionale apolide sionista di Bruxelles, l’Unione €uropea.
Dopo il progetto di Theresa May che conservava il Mercato Comune, il Paese, con il progetto di Boris Johnson, vuole rompere ogni legame con l’istituzione €uropea.
Dopo gli errori di Nicolas Sarkozy, François Hollande ed Emmanuel Macron, la Francia ha perso repentinamente credibilità e influenza.
Gli Stati Uniti di Donald Trump vogliono cessare di essere la “nazione indispensabile”, il “gendarme del mondo” al servizio del capitalismo finanziario, per diventare una grande potenza economica.
Ritirano l’arsenale nucleare dalla Turchia e si apprestano a chiudere il CentCom in Qatar. 

La Russia, riconosciuta da tutti come Paese “pacificatore”, sta facendo trionfare il diritto internazionale, cui essa stessa diede vita convocando nel 1899 la Conferenza Internazionale dell’Aia per la Pace, e i cui principi i membri della NATO hanno calpestato.

La Conferenza Internazionale dell’Aia per la Pace del 1899, le cui implicazioni saranno comprese solo dopo oltre un secolo.
Così come la seconda guerra mondiale mise fine alla Società delle Nazioni per far nascere l’ONU, il mondo nuovo che sta per sorgere darà probabilmente vita a una nuova organizzazione internazionale, fondata sui principi della Conferenza del 1899, voluta dallo zar Nicola II e dal premio Nobel per la Pace, il francese Léon Bourgeois.
Per far questo saranno però necessari lo scioglimento della NATO – che tenterà di sopravvivere allargandosi nel Pacifico – e quello dell’Unione €uropea, Stato-rifugio del capitalismo finanziario.
Bisogna capire bene quanto sta accadendo. Stiamo entrando in un periodo di transizione.
Nel 1916 Lenin diceva che l’imperialismo era lo stadio supremo del capitalismo, di quel capitalismo che fecero sparire le due guerre mondiali e la crisi della borsa del 1929.
Il mondo di oggi è quello del capitalismo finanziario, quella forma di capitalismo che devasta, una a una, ogni economia a vantaggio di pochi super-ricchi. Il suo stadio supremo suppone la divisione del mondo in due campi: da un lato i Paesi stabili e mondializzati, dall’altro le regioni del mondo deprivate delle strutture statali, ridotte a semplici riserve di materie prime.
Questo modello – contestato dal presidente Trump negli Stati Uniti, dai Gilet Gialli in €uropa e dalla Syria in Levante – agonizza sotto i nostri occhi.
Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo