sabato 8 marzo 2014

Mini era glaciale già iniziata



Temperature globali di febbraio, ghiacciai alpini

in ripresa, innevamenti record

a cura di  Stefano Fait,  direttore di   FuturAbles

UAH_LT_1979_thru_February_2014_v5clip_image002_thumbAllCompared GlobalMonthlyTempSince1979GISS GlobalMonthlyTempSince1958 AndCO2rss-monthly-global-anomalies-with-full-kernel-gaussian-low-pass-filters-of-annual-with-s-g-annual-and-15-yearstrendmonthly-global

Sembra di essere tornati indietro di quarant’anni. Ricordo che ci capitò di restare isolati per un paio di settimane, ma non è mai accaduto di essere completamente bloccati per oltre un mese.
E non è ancora finita…Ogni volta che nevicava abbiamo sperato che sarebbe stata l’ultima. E così per ogni valanga.
E ci siamo ritrovati a marzo.
Aurelio Soraruf, “Passo Fedaia, ecco la terra di nessuno.
Dieci persone isolate da 34 giorni, ecco come vivono”, Trentino, 5 marzo 2014
Il 6 marzo 2014 a San Martino di Castrozza (m 1470) e alle Viote del Monte Bondone (1490) c’erano ancora rispettivamente 196 e 192 cm di neve, al Tonale (m 1875) 250 cm, a Pradalago (a 2000 metri sopra Madonna di Campiglio) i cm di neve erano 343. http://www.meteotrentino.it/dati-meteo/stazioni/dygraph/graph/elenco-staz-neve.aspx?ID=235
Situazione analoga in Scozia e Nord America.
I ghiacciai alpini stanno invertendo la tendenza a ritirarsi per via degli inverni sempre più nevosi (come avevo previsto nel 2011)
Le 10 “spiegazioni” addotte dagli esperti serristi per spiegare come mai, pur con un costante aumento delle emissioni di anidride carbonica, il riscaldamento globale si sia arrestato.
Il fatto che non ci sia alcuna unanimità sulla definizione delle cause di questo evento imprevisto (12-17 anni di interruzione della crescita delle temperature a seconda dei sistemi di rivelazione) dovrebbe far riflettere chi crede che “la scienza si è pronunciata una volta per tutte” sul cambiamento climatico. La natura se ne infischia di quel che l’uomo crede di aver capito una volta per tutte.

clip_image004_thumb27-feb-14-spoerer 

Ad ogni calo di attività solare corrisponde un calo delle temperature ed ogni massimo è accompagnato da un riscaldamento globale (l’ultimo è stato il più possente degli ultimi 8mila anni).
Con il passare del tempo i minimi sono diventati sempre più profondi.
Il prossimo potrebbe essere quello che ci spinge oltre il punto di equilibrio, facendoci precipitare in un’era glaciale : 

Nessun commento:

Posta un commento